Dottoressa Magistrale in Filosofia – MEDIATORE Penale, Penale Minorile e Scolastico; CONSULENTE Filosofico professionale e in Gestione delle Risorse umane; Life & Corporate COACH; Practitioner in Philosophy with Children; Tutor per l'Apprendimento

Il GRUPPO SPELEOLOGICO “CUDINIPULI”

GRUPPO SPELEOLOGICO “CUDINIPULI”

Il GRUPPO SPELEOLOGICO “CUDINIPULI”

Il gruppo speleologico “Cudinipuli” è un’associazione di volontariato iscritta alla Sezione Provinciale del Registro delle Organizzazioni di Volontariato, ai sensi della L. n. 266/1991. Le caratteristiche dell’associazione, stabilite nel suo statuto sociale, sono: l’assenza di fini di lucro, l’elettività degli organi deliberanti, la gratuità delle cariche associative, la gratuità delle prestazioni fornite dagli aderenti.
Il GSC nasce a Mendicino (CS) nei primi anni ‘90 ed è affiliato alla Società Speleologica Italiana (l’associazione speleologica più importante in Italia) dal 1995.

Le finalità del GSC sono: la pratica e la divulgazione della speleologia (intesa come ricerca, esplorazione, documentazione e studio degli ipogei.), del torrentismo, dell’arrampicata e di altri sport che si svolgono prevalentemente in ambiente montano.

Il GSC collabora con diverse organizzazioni (ad esempio: la Delegazione Speleologica Calabrese del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ed altri gruppi speleologici italiani) e con enti pubblici e privati offrendo le proprie competenze sullo svolgimento di lavori in ambienti ipogei e di difficile accesso.
Il GSC, sotto l’egida della SSI organizza campi speleologici, corsi di speleologia rivolti ai neofiti ed eventi di promozione e comunicazione della speleologia.
Inoltre, organizza corsi di progressione in sicurezza su corda strutturati in base alle esigenze del committente.

Corsi di Speleologia
Il GSC detiene la Scuola di Speleologia “Serre Cosentine” che organizza periodicamente i Corsi di speleologia di 1° livello, rivolti ai neofiti. La didattica dei corsi è omologata agli standard nazionali dettati dalla Commissione Nazionale Scuole di Speleologia (CNSS) della Società Speleologica Italiana (SSI). I corsi sono tenuti da istruttori iscritti ai registri regionali della CNSS e consultabili in rete all’indirizzo: http://www.cnss-ssi.it/scuole/calabria.xls.

La Speleologia
La speleologia è un’attività interdisciplinare (non solo sportiva) che riguarda il mondo ipogeo (sotterraneo).
Molte persone pensano che la speleologia sia uno sport per uomini duri: niente di più inesatto! La maggior parte degli speleologi sono persone comunissime che amano la natura, hanno un modo di socializzare franco ed aperto e, perché no, un pizzico di senso dell’avventura.
Gli ambienti ipogei (di origine naturale o artificiale) sono caratterizzati da una grande varietà di morfologie, di forme vita e a volte presentano interessanti testimonianze del passato. Il sottosuolo è l’ultimo luogo della terra ancora da scoprire o da “riscoprire”. Questa è la sfida più appassionante che attende gli speleologi.
La speleologia in Italia coinvolge qualche migliaio persone di tutte le età, accomunati dalla voglia di impiegare in maniera sana e divertente il proprio tempo libero.

Il patrimonio ipogeo Calabrese
La Calabria è ricca di ipogei creati dalla natura (grotte) o dagli uomini (cavità artificiali). Le grotte censite sinora sono circa 400, mentre i siti in cui si trovano una o più cavità artificiali sono circa 30 di diversa tipologia. Solo una minima parte del patrimonio ipogeo calabrese è stata censita e documentata: c’è ancora molto da scoprire. Le grotte sono presenti su tutto il territorio regionale, ovviamente con una maggiore concentrazione nelle zone carsiche (specialmente nelle rocce del Pollino) e nei gessi (in provincia di Crotone). Le cavità artificiali sono maggiormente concentrate nelle arenarie (nelle province di Vibo Valentia e Crotone) e nei sottosuoli dei principali centri urbani.

La speleologia in Cavità Artificilali
La speleologia in cavità artificiali si occupa di riscoprire e studiare gli ipogei creati dall’uomo. Le cavità artificiali sono dei luoghi affascinanti, ricchi di storia, che spesso rivelano agli speleologi delle caratteristiche artistiche ed architettoniche pregevoli. Il sottosuolo dei centri abitati calabresi è ricco di ambienti di diverse epoche e tipologie di cui si è persa la memoria: lo scopo della speleologia è contribuire alla loro riscoperta. La Calabria, nel medioevo, è stata interessata dal fenomeno del monachesimo italo greco ed ha ospitato un’abile civiltà rupestre che ci ha lasciato numerose testimonianze (insediamenti rupestri) ancora in fase di scoperta.
Il GSC collabora con la Commissione Nazionale Cavità Artificiali della Società Speleologica Italiana, il gruppo di studio sulle Cavità Artificiali, formato da speleologi, più importante in Italia.

I soci del GSC si incontrano ogni Giovedì dalle ore 18:30 alle ore 20:00, presso la sede operativa della Delegazione Speleologica calabrese del CNSAS, nell’edificio Polifunzionale dell’Università Della Calabria.

Link
Società Speleologica Italiana: http://www.ssi.speleo.it/
Commissione Nazionale Scuole di Speleologia (CNSS): http://www.cnss-ssi.it/
Commissione Nazionale Cavità Artificiali http://www.ssi.speleo.it/it/cnca.htm

Contatti:

http://cudinipuli.wordpress.com/

Facebook

email: speleo.cudinipuli@gmail.com

Indirizzo Skype: cudinipuli

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: